Download e-book for kindle: Atlante di storia ebraica by Martin Gilbert

By Martin Gilbert

Publication by way of Martin Gilbert

Show description

Read Online or Download Atlante di storia ebraica PDF

Similar italian books

New PDF release: Re-visione della psicologia

Dopo aver messo in questione, nel M ito
dell'analisi , i fondamenti della terapia psi­
coanalitica, Hillman ha compiuto in que­
sto suo libro, che e del 1975, il passo deci­
sivo in line with ricondurre l. a. psicologia al suo si­
gnificato di discorso dell’anima. Perché si
apra los angeles possibilità di questo che è «il più
lungo dei viaggi» occorre risvegliare los angeles
mente alla dimensione del Vimmaginale, a
un modo di percepire los angeles vita delle imma­
gini che è stato considerato con sempre
maggiore sospetto nel corso della storia
della nostra cultura: così Yimagìnalio vera
degli alchimisti, regina delle facoltà, è
finita in step with diventare los angeles fo lle du logis , nella
celebre formulazione di Malebranche.
Per Hillman il luogo dell’anima non e in­
nanzitutto quella torretta di controllo,
abitata da un «io» sempre vigile e acci­
gliato, che tanti analisti vogliono rinfor­
zare, ma una casa piena di voci e di stan­
ze, dove si alternano ospiti disparati, insi­
diosi e seducenti. Ciascuno di questi ospi­
ti è una parola che è una character - c l'attività
peculiare della psicologia in line with Hillman,
quel «fare anim a» di cui ha parlato
Keats, è proprio il tentativo di riconosce­
re le persone (dèi, angeli e demoni) che
nelle parole si celano. Dinanzi alla novità
radicale di questa visione, che si appella
non solo a Ju n g ma al grande romantici­
smo tedesco e al Rinascimento ermetico c
mnemotecnico di Ficino e di Bruno, mol­
te tendenze psicoanalitiche e psichiatri-
che degli anni recenti si rivelano nella
loro fondamentale inconsistenza. Il di­
scorso dell’anima è un pathos , un doloroso
districarsi, un operare oscuro: di tutto
questo ben poco ci hanno saputo dire sia
le varie specie d d l’antipsichiatria, che
hanno accollato ogni male alla «società
cattiva», sia le molte scuole analitiche
che, sulla base di una edulcorata mistica
della naturalezza, celebrano l. a. sponta­
neità e il sentimento. consistent with vie opposte, si
tratta ogni volta di tentativi di aggirare il
vero luogo del pericolo e dell’emozione,
che è l’anima stessa, con i suoi dèi ambi­
gui, esaltanti e ingannatori. Ed è il luogo
che torna advert aprirsi in queste pagine nel­
la sua immane vastità, quella a cui accen­
nava los angeles parola di Eraclito: «Per quanto
tu cammini, e anche percorrendo ogni
strada, non potrai raggiungere i confini
dell’anima: tanto profonda e los angeles sua vera
essenza».
A Jam es H illm an si devono i m aggiori svi­
luppi, in questi ultim i ann i, della psicoanalisi
d i derivazione ju n g h ian a. F ra le sue opere:
Emotion (1960), Suicide and the Soul(trad . it. //
suicidio e I ’anima , Rom a, 1972), An Essay on Pan
(trad . it. Saggio su Pan , M ilano, 19792), The
Myth o f Anali sis (trad . it. Il mito dell’analisi.
M ilano, 1979), unfastened Ends (1975), The Dream
and the Underworld(1979), Intervista su anima e
psiche, Bari, 1983, il saggio Psychology: Mono­
theistic or Polytheistic (ed. it. con D. I,. M iller in
Il nuovo politeismo, M ilano, 1983).

Extra resources for Atlante di storia ebraica

Sample text

2 Si tratta indubbiamente di una descrizione a grandi linee. 3 Ma questa analisi descrittiva del comportamento dell’uomo e della donna narcisisti aiuta a identificarli, non a capirli. Dobbiamo penetrare sotto la superficie per vedere il disturbo della personalità che dà origine a quel comportamento. Il problema è: che cosa fa sì che una persona approfitti degli altri, agisca in maniera crudele verso il prossimo e nello stesso tempo soffra di incertezza cronica e di insoddisfazione? Gli psicoanalisti affermano che il problema si sviluppa nella prima infanzia.

Qui sorge un interrogativo: è possibile parlare di grandiosità riguardo a questo esercizio di potere? Dopotutto Erich si descriveva come una “cosa”: e questa non è certo un’immagine gonfiata di sé. Ma l’“io” che osservava se stesso, che controllava la “cosa” era un arrogante superpotere. Questa arroganza dell’io si ritrova in ogni personalità narcisistica, indipendentemente dalla mancanza di realizzazione o di autostima. DEFINIZIONE DEL NARCISISTA Per mezzo di Erich abbiamo iniziato a intravedere un ritratto del narcisista.

Una società che sacrifica l’ambiente naturale al profitto e al potere rivela la sua insensibilità per le esigenze umane. La proliferazione delle cose materiali diventa la misura del progresso nel vivere, e l’uomo viene opposto alla donna, il dipendente al datore di lavoro, l’individuo alla comunità. Quando la ricchezza occupa una posizione più alta della saggezza, quando la notorietà è più ammirata della dignità e quando il successo è più importante del rispetto di sé vuol dire che la cultura stessa sopravvaluta l’“immagine”, e deve essere ritenuta narcisistica.

Download PDF sample

Atlante di storia ebraica by Martin Gilbert


by Anthony
4.2

Rated 4.16 of 5 – based on 37 votes